Serie C1
martedì 3 dicembre 2019
CALCIO A CINQUE
La Febbre Gialla esce indenne dal PalaGardolo, Trento a -12
di Luca Franchini

Un pareggio che sa di vittoria. Il 2-2 maturato a Gardolo sul campo del Trento vale quanto un successo per la Febbre Gialla, che se da un lato ha visto fermarsi la striscia di vittorie consecutive in campionato (ben 10), dall’altra è riuscita a mantenersi a +12 su quella che, alla vigilia dell’inizio del campionato, era stata presentata come la candidata numero 1 per il successo finale.

La capolista bolzanina Febbre Gialla
La capolista bolzanina Febbre Gialla

Gli aquilotti, a differenza della prima della classe, hanno già osservato il turno di riposo e sono potenzialmente a -9. Uno svantaggio comunque pesante da recuperare a una formazione che finora ha collezionato 10 vittorie e un pareggio in 11 partite. Eccezion fatta per clamorose rimonte, che la matematica non può comunque escludere, per la promozione in serie B la capolista se la dovrà vedere principalmente con i cugini del Mosaico, che hanno approfittato del pareggio maturato nel big match dell’undicesima giornata per portarsi a -1 dalla vetta. Il Mosaico ora può mettere la freccia: vincendo la sfida casalinga con l’Imperial Grumo di venerdì 6 dicembre, Pizzardi e compagni potranno operare il sorpasso, approfittando del turno di riposo imposto dal calendario alla capoclassifica.

RISULTATI, MARCATORI E CLASSIFICA

Doppio botta a risposta a Gardolo


Il Trento aveva a disposizione un solo risultato, la vittoria. Andati sotto 1-0, per effetto del gol di Casarin all’11’ del primo tempo, gli aquilotti sono riusciti a pareggiare i conti con Wegher, con il portiere dei gialloblù Luca Vivian provvidenziale in almeno due occasioni. La squadra allenata da Filippo Sordo è poi riuscita a mettere davanti il naso prima del riposo grazie al rigore realizzato da Gennara, ma a metà ripresa la capolista bolzanina è riuscita a garantirsi il pareggio, che sa tanto di vittoria. O meglio, che sa di sconfitta per la squadra di casa.
A realizzare il gol della definitiva parità, dopo una traversa colpita da Lazzarini, è stato l’uomo simbolo del club giallonero, Matteo Crepaldi, lasciato colpevolmente libero di battere a rete sugli sviluppi di un corner: gran tiro al volo, palla in rete e 2-2.

Al Mosaico il derby con il Pineta


Lontano dai clamori, il Mosaico ha presentato la propria candidatura ufficiale per il ruolo di anti-Febbre Gialla nella corsa al titolo, finalista anche in Coppa Italia assieme al Trento. Se da un lato fanno clamore le 10 vittorie consecutive della capolista, non possono passare inosservati gli altrettanti successi della squadra di bomber Pizzardi, che ha perso una sola partita (proprio con la Febbre Gialla) e ora si trova a un solo punto dalla vetta. L’ultimo “hurrà” è arrivato nel derby con il Pineta, vinto 5-2 grazie alla tripletta del capocannoniere del torneo Pizzardi (salito a quota 22 gol in campionato) e alla “doppia” di Patuzzi, mentre i due gol del Pineta sono stati realizzati da Morzenti e Pedron.
Venerdì il Mosaico potrà operare il sorpasso: a quel punto, i risultati della silenziosa big bolzanina non potranno più passare inosservati.

LA CLASSIFICA MARCATORI AGGIORNATA

L’Altopiano Paganella rompe l’incantesimo


Dopo quattro sconfitte di misura consecutive, è tornato alla vittoria l’Altopiano Paganella, che ha vinto la delicata sfida-salvezza sul campo dell’Imperial Grumo. A trascinare la squadra di Fai è stato uno dei giocatori più rappresentativi, Christian Pittigher, che ha realizzato 4 delle 7 reti della formazione ospite: di Luca Tansella (doppietta) e Mauro Romeri le altre tre marcature, mentre per l’Imperial sono andati a segno Borz (2), Ferdinando Aversano e Simonatto. Grazie a questo successo, l’Altopiano Paganella sale al settimo posto in classifica, mentre l’Imperial rimane a quota 9, in acque tutt’altro che tranquille.

Colpo esterno del Comano Fiavé


Il Brentonico non sa più vincere. Dopo un ottimo avvio di torneo, con 2 vittorie e 2 pareggi nelle prime 5 partite, la squadra dell’altopiano ha incassato quattro sconfitte consecutive e ora si trova invischiata nella lotta per non retrocedere. L’ultimo dei quattro stop è maturato nel match contro il Comano Terme Fiavé, che dal canto proprio ha invece conquistato 3 punti di fondamentale importanza nell’economia della corsa-salvezza.

Daniele Zambanini del Comano Terme Fiavé
Daniele Zambanini del Comano Terme Fiavé

L’uomo-partita è stato il cannoniere dei gialloneri Daniele Zambanini, che ha realizzato una tripletta ed è salito a quota 14 reti in campionato, mentre a completare l’opera ci hanno pensato Mattia Berti, l’“eterno” Stefano Pedrini e Nicola Festi. Sei le reti messe a segno dai giudicariesi, contro le tre dei brentegani, realizzate da Federico Dalbosco, Thomas Perenzoni e Moreno Raffaelli.

Neugries-Mezzolombardo termina in parità


Grazie a un rush finale tutto cuore e grinta, il Mezzolombardo è uscito con un punto dal campo del fanalino di coda Jugend Neugries, che vede sfumare per poco la seconda vittoria consecutiva. A siglare il gol del definitivo 4-4, dopo le marcature siglate dai suoi compagni di squadra Luchin, Corrà e Loner, è Diego Dalpiaz, che va a segno nelle battute finali dell’incontro, con la squadra di mister Ghezzer in inferiorità numerica. Le 4 reti del Neugries, invece, hanno portato la firma di Bazzanella, Romeo, Rosati e Valentini.

Fraveggio in odore di top 3


La classifica recita “Trento 19 punti, Fraveggio 16”. Non serve carta e penna per capire che, in caso di vittoria nella sfida all’Aquila Rovereto, la squadra di Vezzano si porterebbe al terzo posto in classifica assieme agli aquilotti, con altri 3 potenziali punti da conquistare nel recupero del match con il Pineta, rinviato al 14 gennaio 2020. Intanto, però, Micheletti e compagni hanno l’occasione per agganciare il Trento in zona podio e conquistare un posto nella top 3 provvisoria del torneo: non male per una matricola, che scenderà in campo stasera alle 21 sul campo di casa contro l’Aquila Rovereto, formazione a cui non manca certo lo spirito agonistico e che è reduce dal successo (3-2) sul Calcio Bleggio.
Quest’ultimo sarà impegnato stasera a Fiavé nell’altro incontro di giornata: dall’altra parte del campo ci sarà il Levico Terme, reduce dal turno di riposo.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Inserire almeno 4 caratteri