Hombre del partido
sabato 24 marzo 2018
CALCIO A CINQUE
Capitan Fratacci, centenario della B
di Cristiano Caracristi

Classe 1985, appena compiuti 33 anni lo scorso febbraio, Giuseppe Fratacci detto «Beppe», è nato a Bolzano iniziando a giocare a calcio col Milan club del capoluogo altoatesino. Trasferitosi a Trento all'età di dieci anni ha iniziato a giocare col Trento, rimanendo in gialloblù fino ai 17 anni. Dopo un anno sabbatico s'innamora del calcio a cinque grazie a un collega e a novembre del 2003 calca il parquet per la prima volta con la maglia dell'Itas calcio a cinque.
Passa al Random Team per due stagioni in C1 (una da capitano) e nel 2006-2007 approda al Green Tower di «Patron» Sembenotti con l'Under 21, ma l'anno seguente vince il campionato di C1 in prima squadra. Arriva la prima stagione in B partendo come riserva, ma piano piano si ritaglia sempre più ampi spazi in campo. Tornato in C1 diventa il capitano degli oronero classificandosi secondo e perdendo in finale la Coppa Italia. Per tre stagioni, fino allo scioglimento della società, sarà il capitano. Nel 2012-13 torna in B con l' Hdi Assicurazioni giocando a fianco di giocatori di qualità come Ragno, Ortega, Natilla e Straliote e dove, per sua ammissione: «sono potuto crescere e penso di non aver sfigurato affatto...»
A dicembre del seguente anno, dopo un viaggio dall'altra parte del mondo, rientra nel calcio a cinque col Mercatone Uno e l'anno seguente vince la C1, da capitano, torna in serie B salvandosi la stagione seguente e poi retrocedendo. Rimane in B comunque anche in questa stagione, passando nelle file dell'Olympia Rovereto.
Un curriculum certamente ampio per Beppe che, nell'ultimo match giocato dalle «pantere» contro la Canottieri Belluno ha guadagnato il centesimo gettone in serie B. Una grande soddisfazione.
«Sono molto soddisfatto e fiero di me stesso - conferma - per questo traguardo raggiunto perché ripaga l'impegno e l'amore che ho sempre dato per questo sport. È soddisfacente essere ricordato e rispettato da tutti nonostante le diverse maglie indossate, questo è motivo di orgoglio, visto che tutti mi chiamano capitano».
Visto il tuo recente infortunio, hai mai avuto paura di non arrivarci o rinviare il tutto al prossimo campionato?
«Si, il giorno che mi hanno riscontrato la rottura del menisco e la lesione del tendine ho avuto paura di non rientrare entro fine stagione e quindi di fermarmi a 98 presenze. Poi per fortuna, e anche con lavoro svolto, sono riuscito a recuperare prima».
Come vedi i prossimi playout per la tua attuale squadra?
«Fortunatamente il campionato, quest'anno, permette di non retrocedere direttamente ma di affrontare gli spareggi. Avremo la possibilità di dare il giusto e meritato senso a questa squadra e società purtroppo sfortunata questa stagione. Anzi, su questo vorrei elogiare i miei e compagni e la società tutta per la maturità e serietà che stanno mettendo nonostante i risultati ottenuti, ma appunto stiamo già lavorando per prenderci quello che, credo ci spetta, ai playout»
Smessi i panni da giocatore ti vedi più come dirigente, allenatore o opinionista?
Guarda, non penso proprio di voler ancora smettere, ma sicuramente come opinionista sarei molto cattivo».
Gol e partita da ricordare?
«Partita da ricordare sicuramente il derby vinto lo scorso anno contro il Trento con il Rotal Five. I gol sono pochi quindi li ricordo tutti volentieri. Diciamo il primo segnato con la maglia dall'HDI contro il Bubi Merano nella gara d'andata, e il gol partita contro l'Isolotto Firenze con la maglia del Green Tower, dopo una prestazione individuale eccelsa».
Fra quanto faremo l'intervista per le 200 partite?
«Eh... caro Cristiano, ormai gli anni passano. Non credo ci sarà mai una duecentesima»
Chissà...

Beppe Fratacci con la maglia dell'Hdi Assicurazioni
Beppe Fratacci con la maglia dell'Hdi Assicurazioni

Beppe Fratacci con la maglia del Mercatone Uno
Beppe Fratacci con la maglia del Mercatone Uno

Beppe Fratacci con la maglia del Rotal Five
Beppe Fratacci con la maglia del Rotal Five

Beppe Fratacci con la maglia dell'Olympia alla 100ª in B
Beppe Fratacci con la maglia dell'Olympia alla 100ª in B

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,438 sec.

Inserire almeno 4 caratteri