Serie B
lunedì 10 febbraio 2020
CALCIO A CINQUE
Fra Futsal Atesina e Pordenone un Zajc di differenza
di Cristiano Caracristi

Il Futsal Atesina tiene testa alla vice capolista, ma alla fine i tre punti li porta a casa la truppa di Asquini. La formazione di Roberto Vanin, in tribuna per squalifica, dimostra però che da qua alla fine potrà giocarsela con tutte le avversarie anche le più alte in classifica, con la consapevolezza che la strada per costruire la salvezza non è poi così in salita.
Partenza con il Pordenone a provare subito a sbloccare il risultato, con Zajc che scuote il palo alla sinistra di Vanin. Il Futsal Atesina però è micidiale al tramonto del terzo minuto quando una respinta in uscita di Luca Vanin innesca il contropiede che Pereira rifinisce per la sovrapposizione di Mustafov che, da sinistra, batte Vascello con un preciso diagonale. La formazione friulana trema su un palo colpito da una volé di Mancin, ma chiama anche il portiere di casa ad alcuni interventi importanti. Per il pareggio bisogna aspettare il 13' quando il «cervello» del Pordenone Grzelj, incastona a fil di palo il pallone del pari. Passano pochi secondi e Zajc mette la freccia del sorpasso, finalizzando uno slalom personale con un tiro che s'infila in porta. Il Futsal Atesina non demorde e Vascello è decisivo su Mustafov liberato da Fabio Vanin. Il portiere ospite si ripete anche su due tiri dai «10 metri», neutralizzando prima su Pereira e ripetendosi, con l'aiuto del palo, su Mustafov. Zajc invece non perdona e con un colpo di biliardo mette in buca d'angolo il terzo gol. Si chiude con un altra firma di Vascello, abile a murare Fabio Vanin ben inseritosi nell'area avversaria.
Inizia la ripresa ed il Pordenone tiene il pallino del gioco in mano con Grigolon che colpisce il palo dopo tre minuti. Al 10' altro legno altoatesino con Mustafov, pescato dal lancio di Luca Vanin oltre l'ultima linea difensiva, che colpisce il palo interno al volo. Ovviamente non sbaglia il solito Zajc che su angolo gira di precisione il terzo gol personale ed il quarto dei friulani. Il Futsal Atesina tenta il portiere di movimento, dimezzando le distanze con Salvador pescato sul secondo palo da Fraccaroli. Le squadre cominciano a sentire la stanchezza, ma Grigolon fa in tempo a chiudere le ultime speranze di rimonta con una girata sottomisura. Anche il terzo «doble penalti» va a vuoto per i padroni di casa, perché Vascello dice no anche a Degasperi. Ora la testa va a Palmanova per la trasferta di sabato prossimo dove il team di Vanin sarà chiamato ad un match sicuramente fra i più importanti per la stagione.

Futsal Atesina - Pordenone C5 2-5



RETI: 2'55"pt Mustafov (FA), 12'13"pt Grzelj (P), 13'07"pt, 19'17"pt e 11'43"st Zajc (P), 13'30"st Salvador (FA), 18'14"st Grigolon (P).
FUTSAL ATESINA: Vanin L., Serena, Fraccaroli, Salvador, Manarin, Pereira, Scarduelli, Mustafov, Degasperi, Vanin F., Mancin, Rossi. All. Ceccarelli (Vanin squalificato).
PORDENONE C5: Vascello, Colledan, Grzelj, Zajc, Fabbro, Barzan, Tusar, Milanese, Grigolon, Moras, De Bernardo, Casula. All. Asquini.
ARBITRI: Sommese di Lecco e Sgadari di Prato. CRONO: Di Donato di Merano.
NOTE: 100 spettatori circa; ammoniti L. Vanin, Mustafov e Mancin (FA), Grzelj, Barzan, Tusar e Milanese (P). Falli FA pt 5, st 4; P pt 7, st 6. Tiri liberi FA 0/3, P nessuno.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,11 sec.

Inserire almeno 4 caratteri