SporTrentino.it
Serie C1

Trento in vetta, Bleggio e Alpe Cimbra da quartieri alti

Una certezza, il Trento. Una lieta sorpresa, l’Alpe Cimbra. Una outsider che prende quotazioni, il Calcio Bleggio. È di marca trentina l’avvio del campionato di serie C1, che ha nel Trento la sua indiscussa protagonista.

Alessio Wegher, cannoniere del Trento (foto Aldo Casna)
Alessio Wegher, cannoniere del Trento (foto Aldo Casna)

Il Trento cala il poker

Quattro su quattro. Il Trento si presentava ai nastri di partenza del massimo campionato regionale come la grande favorita per il successo. Gli aquilotti hanno fin qui rispettato le attese, vincendo e convincendo. A dirlo sono i numeri, che difficilmente mentono: quattro partite e altrettante vittorie, 32 gol segnati a fronte dei soli 5 subiti.
Venerdì sera a Gardolo i gialloblù hanno battuto 4-1 la Febbre Gialla, riuscendo a fare la differenza nel finale di partita. Il primo tempo si era chiuso sull’1-1, con Matteo Crepaldi a pareggiare il gol segnato in apertura di match (al 3’) da Andrea Scalet.
La sfida si è decisa nei minuti conclusivi, quando il Trento è riuscito a piazzare l’accelerazione definitiva, approfittando del roster corto a disposizione dei bolzanini, scesi a Gardolo con sette giocatori di movimento. A 5’ dal termine Alessio Wegher ha riportato avanti i padroni di casa: la Febbre Gialla ha sfiorato il nuovo pareggio, per poi incassare il gol del 3-1 siglato da Bommassar. A chiudere i conti è stato ancora Wegher, che con la personale doppietta ha fissato il punteggio sul 4-1 finale. Ora il Trento è solo al comando della classifica, con 2 punti sulla prima delle inseguitrici.

RISULTATI, MARCATORI E CLASSIFICA

Alpe Cimbra e Calcio Bleggio da quartieri alti

Il calendario, nelle prime battute del torneo, ha giocato a favore dell’Alpe Cimbra, a cui va il merito di averlo saputo sfruttare. Dopo il pareggio al debutto sul campo della Gostivar, la squadra di Lavarone ha inanellato tre vittorie consecutive, confermandosi efficiente macchina da gol e, soprattutto, issandosi al secondo posto in classifica.
Nella quarta partita della stagione, l’Alpe Cimbra è andata in goleada, infliggendo un pesantissimo 12-2 al Bressanone, ancora fermo al palo. A salire in cattedra, ancora una volta, sono stati Matteo e Moreno Nicolussi Paolaz, a segno rispettivamente quattro e due volte, secondo e primo nella classifica marcatori del campionato con 9 e 10 reti all’attivo.
A completare l’opera ci hanno pensato Stefani (tripletta), Longhi (doppietta) e Giacomelli, mentre i brissinesi hanno salvato la bandiera grazie a Speciale e a Stassi.
Venerdì prossimo ci sarà l’esame di maturità per l’Alpe Cimbra, che sarà impegnata sul campo della Febbre Gialla.
Ha già superato un primo esame, invece, il Calcio Bleggio, che è l’unica formazione ancora a punteggio pieno assieme al Trento. I giudicariesi, a differenza degli aquilotti, hanno però già osservato il turno di riposo.
Dopo aver superato di misura all’esordio lo Jugend Neugries (battuto 4-3 in trasferta), i bleggiani hanno beneficiato di un pesantissimo 6-0 a tavolino nel match con il Real Bubi Merano, che non si era presentato all’anticipo in programma la scorsa settimana.
La sfida della quarta giornata sul campo del Pineta rappresentava un importante banco di prova per Malacarne e compagni, che sono rientrati in terra trentina con nuove certezze e altri tre punti in tasca. Il Calcio Bleggio è riuscito a fare la differenza nella ripresa, dopo che le squadre erano rientrate negli spogliatoi a metà gara sullo 0-0.
Il man of the match è stato l’ex Comano Terme Fiavé Daniele Zambanini, autore di una doppietta, coadiuvato dalla "bandiera" Cristian Malacarne: 3-1 il finale, con Candioli in gol per i locali. Il Calcio Bleggio ora è terzo in classifica con 9 punti ed è pronto ad affrontare un nuovo esame: venerdì prossimo a Fiavé arriverà il Futsal Atesina.

Il big match premia il Futsal Atesina: Real Bubi ko

Il Futsal Atesina si rilancia, il Real Bubi Merano affonda. La sconfitta a tavolino contro il Calcio Bleggio, maturata in settimana in seguito alle decisioni del giudice sportivo, pare aver lasciato il segno in casa Real Bubi Merano, che è caduto in casa sotto i colpi di Degasperi e compagni nell’atteso big match della giornata.
A Merano è finita 5-2 in favore della squadra ospite, grazie alla marcature di Degasperi, Fraccaroli, Manarin, Secchi e Thandoume, mentre i due gol dei locali hanno portato la firma di Caregnato e Manzoni. Il Futsal Atesina, fermo per il turno di riposo la scorsa settimana, si è così messo alle spalle la sconfitta patita contro il Mosaico e si è rilanciato.
I meranesi, penalizzati anche di un punto in classifica, rimangono fermi a quota 2, ora chiamati a cambiare marcia per non dover ridimensionare sensibilmente gli obiettivi di inizio stagione.

Futsal Fiemme da primato: 3 partite senza gol al passivo

Zitto, zitto, lontano dai clamori, il Futsal Fiemme sta prendendo quota. Lo sta facendo partendo dalla difesa, che ha siglato un primato. La squadra di mister Strazzeri non subisce gol da tre giornate, una rarità nel calcio a 5.
All’esordio i fiemmesi hanno pareggiato a Levico Terme (4-4), per poi battere 4-0 in casa il Bressanone e chiudere a reti bianche il match in trasferta con la Febbre Gialla. Venerdì sera a Cavalese è arrivato un altro 4-0, inflitto questa volta allo Jugend Neugries, con doppietta di Dallavalle (a segno in entrambi i casi su calcio di rigore) e gol di Zamboni e Laforgia.
Il Futsal Fiemme è ancora imbattuto, con il terzo “zero” consecutivo nella casella dei gol subiti.

Sorridono anche Mosaico e Imperial Grumo

La quarta giornata del campionato di serie C1 ha regalato gioie anche a Mosaico e Imperial Grumo, entrambe vittoriose di misura. I bolzanini non hanno avuto vita facile con il Mezzolombardo, ancora a secco di vittorie. Non è bastata la marcatura di Martinatti ai rotaliani, sconfitti 2-1: a garantire il successo al Mosaico sono stati il gol di Akkari e la sfortunata deviazione di Veronese su una rimessa laterale di Pizzardi, che ha concluso la propria corsa in rete.
L’Imperial Grumo, invece, ha saputo far valere il fattore campo nel vibrante match contro il Levico Terme. La squadra di San Michele, che ha fatto due su due nelle partite disputate in casa, ha chiuso il primo tempo sul 2-2, rimontando dallo 0-2 iniziale. Nel secondo tempo, poi, l’Imperial è riuscito a piazzare la stoccata decisiva, chiudendo la contesa sul 4-3: l’eroe della serata è stato Tanel (tripletta, con gol partita segnato su rigore). L’altro gol è stato segnato da Buccella (doppio Girardi e Carpentari per gli ospiti).

Autore
Luca Franchini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video